<div style="background-color: none transparent;"><a href="http://www.rsspump.com/?web_widget/rss_ticker/news_widget" title="News Widget">News Widget</a></div>
Seguici su Twitter
Seguici su Facebook
Abbonati ai nostri Feed
Vivere Portopalo – Libero Blog per Liberi Cittadini » Politica Locale » PORTOPALO: ANCORA IN OPERA LE RUSPE.

PORTOPALO: ANCORA IN OPERA LE RUSPE.

da vivereportopalo su giovedì, aprile 6th, 2017

A Portopalo  ritornano le ruspe , lo scorso mese per il gruppo consiliare, “Progetto Comune”,  cardine  della vittoria elettorale del maggio 2014 e propulsore di molti progetti,  e domani per l’ennesimo inizio dei lavori del campo sportivo.

 Questo progetto di ripresa per la realizzazione del campo sportivo, nonostante le vicissitudini che tutti conosciamo all’interno della maggioranza,  è stato voluto,  come tutti sappiamo,  dall’ex assessore ai lavori pubblici, Gaetano Gennuso, anche se, purtroppo,  finanziato con denaro  ottenuti con l’accensione di un mutuo.

 Mi auguro, a prescindere con quali fondi venga realizzato,  che la lunga storia del campo sportivo finisca e diventi, finalmente,   realtà per i portopalesi appassionati del gioco del calcio e della squadra di calcio di I^ categoria di Don Gianluca Manenti.

Ebbene, in questi giorni, Portopalo  diventerà un cantiere di lavori e di servizi. Oltre, ai lavori per la realizzazione del campo di calcio, inizieranno anche  i lavori del  tanto atteso dragaggio del porto. Sono cominciati inoltre i lavori di riqualificazione dei pali in ghisa dell’illuminazione elettrica ubicati lungo tutta la Via  Vittorio Emanuele.

E poi ci saranno due incontri con la cittadinanza, riguardanti la nuova raccolta dei rifiuti,  organizzati dal nuovo assessore, Silvia Lentini per sabato 8  e lunedì 10 aprile per spiegare il servizio della differenziata che dovrebbe partire prossimamente anche a Portopalo. Pertanto nell’anno 2017 dovremmo pagare di meno la TARI, se il risparmio che  si intende realizzare sarà inserito nel Piano Economico Finanziario 2017.

 Per stasera,  è stato convocato per le ore 20,00 il Consiglio comunale, rinviato per la terza volta, per discutere gli stessi  due importanti punti messi all’ordine del giorno nelle precedenti convocazioni,  e specificatamente:

- l’approvazione del Piano Operativo di razionalizzazione delle società partecipate che doveva essere adottato entro il 31 marzo 2016);

-  la deliberazione della Corte dei Conti del 15 novembre 2016, riguardante l’adozione delle necessarie misure correttive  alle dodici criticità trovati dai giudici contabili riferiti al rendiconto di gestione 2014.

Purtroppo ciò che avverrà questa sera in Consiglio comunale non sono in grado di anticiparlo, perché sembra che la coerenza non è di casa in questo consesso. Domani è un altro giorno, si vedrà.

Portopalo lì 6-4-2017

Santino Quartarone

Condividi su Facebook
Condivi su Twitter

Un commento to “PORTOPALO: ANCORA IN OPERA LE RUSPE.”

  1. Maria Dimartino scrive:

    La realizzazione del progetto del campo sportivo, anche se, purtroppo, finanziato con fondi provenienti dall’accensione di un mutuo, costituisce, sicuramente, il punto di arrivo per la costruzione di un’opera pubblica importante per i Portopalesi. Non meno importanza rivestono, tutti gli altri lavori e servizi che avranno inizio nei prossimi giorni e mesi nel nostro Comune.
    Ma io, da libera cittadina, mi chiedo se tutti coloro che si occupano della res publica nel nostro comune, abbiano ben presente la drammaticità della crisi economica che affligge la nostra realtà locale.
    La crisi della pesca, quella dell’agricoltura e di tutte le altre attività commerciali del nostro piccolo paese dovrebbero essere motivo di stimolo per la riduzione delle tasse locali.
    La maggior parte dei Portopalesi, oggi, non riesce ad arrivare a fine mese, e chi ancora può contare su una pensione o uno stipendio sicuro tutti i mesi deve provvedere alle esigenze di figli e nipoti disoccupati e che hanno deciso di non emigrare. Qualcuno dirà che questo è un problema nazionale o internazionale. Ma perché non partire dalla realtà locale per cambiare le cose?
    Le amministrazioni locali dovrebbero essere più vicine ai cittadini, non solo per assisterle economicamente ma per renderli indipendenti dagli aiuti economici. L’impoverimento economico ed etico dei nostri tempi, a cui tutti siamo soggetti, si combatte tutti insieme adottando nuove politiche e strumenti, soprattutto a livello locale. Si può risparmiare, anche, sulla burocrazia nella gestione degli uffici e lasciatemelo dire….anche, discutendo le delibere, soprattutto quelle della Corte dei Conti e apportando i necessari provvedimenti.

Lascia un commento